UE & Regolamentazione cripto in pillole

Qual è l’impatto delle nuove regole sugli investitori e i consumatori di criptovalute.

Le nuove regole avranno un impatto positivo sugli investitori ei consumatori di criptovalute, poiché forniranno maggiore certezza giuridica e protezione. Le piattaforme di trading dovranno avvertire i consumatori del rischio di perdite associate al trading di token digitali. Inoltre, le aziende dovranno rivelare il proprio consumo energetico e l’impatto delle risorse digitali sull’ambiente.

Come cambieranno queste nuove regole le attività di mining di criptovalute.

Le regole non influiranno sul mining di criptovalute, ma le piattaforme di trading dovranno avvertire i consumatori del rischio di perdite associate al trading di token digitali.

In che modo queste nuove regole influenzeranno l’anonimato nelle transazioni di criptovalute.

Le regole ridurranno l’anonimato nelle transazioni di criptovalute, poiché le autorità dovranno essere in grado di identificare i soggetti coinvolti nelle transazioni.

L’UE concorda una regolamentazione storica per ripulire i mercati cripto “Wild West”

in Crypto-Assets (MiCA) è il primo tentativo di creare una regolamentazione completa per le risorse digitali nell’UE.

I funzionari dell’UE giovedì hanno ottenuto un accordo su quello che probabilmente sarà il primo importante quadro normativo per l’industria delle criptovalute.

Dopo ore di negoziati, la Commissione europea, i legislatori dell’UE e gli Stati membri hanno raggiunto un accordo. La mossa è arrivata un giorno dopo che le tre principali istituzioni hanno finalizzato misure volte a eliminare il riciclaggio di denaro nelle criptovalute.

Le nuove regole arrivano in un momento brutale per le risorse digitali, con bitcoin che affronta il suo peggior trimestre in più di un decennio.

La legge di riferimento, nota come Markets in Crypto-Assets, o MiCA, è progettata per rendere la vita più difficile a numerosi giocatori nel mercato delle criptovalute, inclusi scambi ed emittenti delle cosiddette stablecoin, token che sono destinati ad essere ancorati ad attività esistenti come il dollaro USA.

Secondo le nuove regole, le stablecoin come tether e USDC di Circle saranno tenute a mantenere ampie riserve per soddisfare le richieste di rimborso in caso di prelievi di massa. Le stablecoin che diventano troppo grandi devono anche essere limitate a 200 milioni di euro di transazioni al giorno.

L’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati, o ESMA, avrà il potere di intervenire per vietare o limitare le piattaforme crittografiche se si ritiene che non proteggano adeguatamente gli investitori o minaccino l’integrità del mercato o la stabilità finanziaria.

“Oggi abbiamo messo ordine nel selvaggio West delle risorse crittografiche e stabilito regole chiare per un mercato armonizzato che fornirà certezza giuridica per gli emittenti di criptovalute, garantirà pari diritti ai fornitori di servizi e assicurerà standard elevati per consumatori e investitori”, ha affermato Stefan Berger, il legislatore che ha guidato i negoziati per conto del Parlamento europeo.

MiCA affronterà anche le preoccupazioni ambientali che circondano la crittografia, con le aziende costrette a rivelare il loro consumo di energia e l’impatto delle risorse digitali sull’ambiente.

Una proposta precedente avrebbe eliminato il mining di criptovalute, il processo ad alta intensità energetica di coniare nuove unità di bitcoin e altri token. Tuttavia, è stato bocciato dai legislatori a marzo.

Le regole non influenzeranno i token senza emittenti, come bitcoin, tuttavia le piattaforme di trading dovranno avvertire i consumatori del rischio di perdite associate al trading di token digitali.

I token non fungibili (NFT), che rappresentano la proprietà in proprietà digitali come l’arte, sono stati esclusi dalle proposte. La Commissione europea è stata incaricata di determinare se le NFT richiedono il proprio regime entro 18 mesi.

Separatamente, i regolatori hanno anche concordato misure mercoledì che ridurrebbero l’anonimato quando si tratta di determinate transazioni crittografiche. Le autorità sono profondamente preoccupate per lo sfruttamento delle cripto-attività per il riciclaggio di guadagni illeciti e l’evasione delle sanzioni, in particolare dopo l’invasione in corso dell’Ucraina da parte della Russia.

I trasferimenti tra gli scambi e i cosiddetti “portafogli non ospitati” di proprietà di individui dovranno essere segnalati se l’importo supera la soglia di 1.000 euro, una questione controversa per gli appassionati di criptovalute che spesso scambiano valute digitali per motivi di privacy.

Ridurre la frammentazione

Nel complesso, MiCA è il primo tentativo di creare una regolamentazione completa per le risorse digitali nell’UE. Mentre alcune delle sue politiche più severe hanno scosso alcune aziende crittografiche, diversi addetti ai lavori vedono la mossa come un passo positivo e credono che l’Europa potrebbe aprire la strada alla regolamentazione delle criptovalute.

Le regole dovrebbero entrare in vigore già nel 2024, una mossa storica che metterebbe il blocco davanti sia agli Stati Uniti che alla Gran Bretagna nell’implementazione di leggi su misura per il mercato delle criptovalute.

“L’armonizzazione del mercato è fondamentale per generare davvero società crittografiche più grandi in Europa”, ha affermato Patrick Hansen, consulente del fondo di venture capital Presight Capital.

“In Europa mancano enormi società di crittografia in questo momento e la frammentazione è uno dei motivi per cui”.

Coinbase sta cercando licenze in diversi paesi europei, tra cui la Francia, ha detto Katherine Minarik, vice presidente legale dell’azienda. Ha detto alla CNBC che lo scambio sarà in grado di “passaporto” i suoi servizi in tutti i 27 paesi dell’UE sotto MiCA.

Il mondo delle Criptovalute è molto complesso, qui su Ethereum-news.it ci impegnamo per offrirti contenuti comprensibili e aggiornati così da aiutarti a capire ciò che accade nell'ecosistema ETH in maniera semplice ed efficace.

DELLA STESSA GATEGORIA

© 2022 Progetto Castero | Tutti i diritti riservati

Il 67% degli investitori perde i propri soldi, considera se puoi permetterti questo rischio