Stando a quanto emerso poche settimane fa, lo staking contract di Eth2 è il più grande detentore di Ether al mondo, superando Wrapped Ethereum (wETH) nella corsa a divenire il primo possessore di ETH.

Come confermato dal fornitore di analisi blockchain Nansen, lo staking contract di Eth2 non aderisce – come invece wETH – allo standard ERC-20. Ma di che cifre stiamo parlando?

Sempre secondo il provider di analisi, il contratto di deposito della Beacon Chain contiene 6,73 milioni di ETH, per un valore di mercato di circa 21,5 miliardi di dollari.

Il contratto Wrapped Ethereum si ferma invece in seconda posizione con 6,7 milioni di ETH, pari a 21,4 miliardi di dollari, mentre il terzo detentore di ETH è Binance con 2,29 milioni di ETH (circa 7,3 miliardi di dollari).

Per quanto concerne il peso di tale staking, la quantità di Ether che risulta essere bloccata su Eth2 è già il 5,7% del totale dell’offerta circolante di Ethereum. La loro sorte è segnata: gli Ether che sono qui depositati non potranno essere mossi prima della fusione di Ethereum e Beacon Chain, nella prima metà del 2022.

Così facendo, peraltro, Eth2 è già la terza rete Proof of Stake in circolazione per capitalizzazione, dopo Cardano e Solana.

Nuovi passi in avanti verso Ethereum 2.0

Non è probabilmente un caso che la notizia sullo staking contract di Eth2 sia giunta a breve distanza dall’integrazione dell’aggiornamento London sulla blockchain di Ethereum, che – tra le principali novità – ha introdotto il burn della fee di transazione di base di Ethereum, di cui abbiamo parlato tante volte su queste pagine.

L’update London dello scorso mese rappresenta un passo in avanti importante per l’attivazione della blockchain Ethereum 2.0, prevista per il 2022, con lo storico passaggio dal protocollo Proof of Work a quello Proof of Stake, che assicurerà la possibilità di fare staking sulla rete ETH.

Investire in Bitcoin o Ethereum? Come farlo nel modo più conveniente

Chiarito quanto sopra, è evidente come le continue news su Ethereum di carattere positivo stiano accrescendo l’interesse degli operatori e del mercato su questo progetto. Ed è anche ben possibile immaginare che le tappe di avvicinamento di Ethereum verso Ethereum 2.0, previsto per il prossimo anno, possano contribuire a incrementare le quotazioni della valuta sottostante, Ether.

A tal fine, per comprendere se sia meglio comprare Ethereum o comprare Bitcoin, non possiamo che consigliare a tutti i nostri lettori di riporre grande attenzione alle caratteristiche evolutive dei progetti sottostanti che – in fondo – sono l’elemento che può dare un maggiore o un minor valore alle criptovalute.

In questo ambito, la maggior parte degli analisti è propensa ad affermare che sia da Ethereum che l’ecosistema criptovalutario possa ottenere le maggiori soddisfazioni, premiando così la scelta del passaggio al Proof of Stake che, peraltro, il mercato ha già scelto di compensare positivamente con altri progetti di blockchain come Cardano.

In ogni caso, qualsiasi sia la tua scelta di trading sulle valute digitali, non possiamo non ricordare come il miglior modo per investire su Ethereum, Bitcoin e altre criptomonete sia certamente quello di ricorrere al servizio professionale di un broker CFD come OBRInvest, che possa permetterti d’investire in modo sicuro ed efficace senza commissioni esplicite (la remunerazione per l’operatore è infatti assicurata dallo spread).

Ti ricordiamo altresì che OBRInvest consente a tutti i suoi clienti di aprire gratuitamente un conto demo, che potrai utilizzare come palestra di allenamento per testare la bontà della tua strategia d’investimento, e la piattaforma di trading del broker, prima d’investire con capitale reale nelle criptovalute.

L’apertura richiede pochi dati e qualche minuto del tempo. Perché non approfittarne subito?

Il mondo delle Criptovalute è molto complesso, qui su Ethereum-news.it ci impegnamo per offrirti contenuti comprensibili e aggiornati così da aiutarti a capire ciò che accade nell'ecosistema ETH in maniera semplice ed efficace.

DELLA STESSA GATEGORIA

© 2021 Progetto Castero | Tutti i diritti riservati

Il 67% degli investitori perde i propri soldi, considera se puoi permetterti questo rischio