È possibile convertire Bitcoin in Ethereum? Se sì, in che modo possiamo effettuare il cambio valuta? Continua a leggere per saperne di più!

Bitcoin è la principale e più nota criptovaluta del mondo. Ma non è certo l’unica!
L’ecosistema criptovalutario si compone infatti di migliaia di altcoin, o valute alternative.

Tra di esse, Ethereum è sicuramente la più importante.

Oggi, grazie a questa guida offerta da Ethereum News, scoprirai in modo semplice ed efficace come convertire Bitcoin in Ethereum in maniera sicura, attraverso le più importanti e affidabili piattaforme di exchange del mondo, come Coinbase e Binance.

Scopriamo dunque se aprire un conto su Coinbase o su Binance rappresenti il miglior modo per convertire i tuoi BTC in ETH, dando un occhio anche alle possibili alternative!

Come convertire Bitcoin in Ethereum

Cosa significa convertire Bitcoin in Ethereum

Con la maggior parte degli exchange, convertire Bitcoin in Ethereum, o scambiare Bitcoin in Ethereum, è un’operazione che può essere effettuata in pochi e semplici passaggi.

Intuitivamente, convertire Bitcoin in Ethereum significa cedere unità di BTC in cambio di ETH, o viceversa.

Ci sono diversi motivi per la quale potresti trovare conveniente effettuare questa conversione, ecco a te i principali:

  • credi che i prezzi di Ethereum cresceranno più di Bitcoin e, dunque, scegli di abbandonare BTC per acquistare ETH
  • hai bisogno di ETH perché vuoi acquistare beni e servizi che richiedono, come strumento di pagamento, proprio Ethereum
  • vuoi diversificare il tuo portafoglio, cedendo una quota di Bitcoin in favore di una quota Ethereum
  • devi utilizzare dei servizi sulla blockchain di Ethereum e hai quindi bisogno di ETH per pagare i relativi costi.

Come abbiamo appena visto, vi sono diverse motivazioni che potrebbero indurti a convertire Bitcoin in Ethereum, se vuoi saperne di più, ti invitiamo a consultare la nostra guida dedicata all’analisi dei pro e contro di Ethereum e Bitcoin.

Sì lo sappiamo, ti stai ancora chiedendo come fare. Ebbene, sappi che è semplicissimo!

Ti basterà affidarti ai servizi di exchange o ai broker CFD. Andiamo con ordine.

Come convertire Bitcoin in Ethereum usando gli exchange

Un metodo semplice e sicuro per scambiare Bitcoin con Ethereum è sicuramente rappresentato dagli exchange. Su cosa siano gli exchange, invece, soprassediamo: abbiamo parlato di questo argomento tante volte nel corso delle ultime settimane, ci limitiamo a ricordarti che si tratta di piattaforme che ti permettono di scambiare valuta fiat (come l’euro) o valuta digitale (come Bitcoin) in cambio di criptovalute.

Ora, è evidente che se vuoi convertire Bitcoin in Ethereum devi innanzitutto avere dei Bitcoin nel tuo portafoglio!
Una volta che avrai concluso questa operazione, effettuare la transazione di conversione sarà molto più semplice. Per spiegarlo, in maniera ancora più chiara e puntuale, abbiamo preso come esempio i due exchange più noti in Italia, Coinbase e Binance.

Scambiare Bitcoin con Ethereum usando Coinbase

Coinbase è una delle più note piattaforme di scambio criptovalutario al mondo.

Ebbene, uno dei motivi per cui questo exchange è diventato così famoso in tutto il Pianeta è senza dubbio la grande semplicità di utilizzo dei servizi che offre, compresi quelli che permettono lo scambio di Bitcoin con Ethereum.

Per far ciò, ti basterà andare alla sezione Portafoglio (è l’icona del grafico a torta che trovi sulla sinistra, poco sotto quella della home), e poi selezionare Bitcoin. Qui potrai vedere i tuoi BTC a disposizione e ottenere una serie di informazioni sulla tua proprietà criptovalutaria.

Bene, se sei deciso a effettuare l’operazione di conversione, vai su Effettua transazioni (è l’icona delle due frecce, poco sotto quella del Portafoglio).

A questo punto si aprirà una nuova finestra, seleziona la voce Converti che troverai sul lato destro e poi indica quanti Bitcoin vuoi convertire. Se vuoi convertire tutti i tuoi BTC, potrai semplicemente cliccare su Converti tutto. Seleziona Ethereum come valuta di destinazione e poi clicca su Converti Bitcoin. Vedrai un’anteprima dell’operazione, a questo punto ti basterà confermare.

Ed ecco che, in pochi secondi (o minuti, a seconda delle tempistiche che in quel momento l’exchange è in grado di garantirti), troverai gli ETH all’interno del tuo portafoglio. Facile, no?

Scambiare Bitcoin con Ethereum usando Binance

Il meccanismo alla base dello scambio di Bitcoin con Ethereum di Binance è praticamente identico a quello di Coinbase: cambiano alcune grafiche, ma i passaggi sono i medesimi.

In ogni caso, ti ricordiamo che anche su Binance, così come su Coinbase, sono a disposizione per te delle ampie sezioni informative che ti permetteranno di effettuare questa operazione in maniera semplice e pratica.

Quanto costa scambiare Bitcoin con Ethereum

A questo punto del nostro approfondimento dovresti aver compreso che con una conversione di criptovaluta puoi realizzare in una sola transazione ciò che altrimenti avrebbe richiesto due transazioni separate. Potrai quindi convertire direttamente Bitcoin in Ethereum, piuttosto che vendere Bitcoin e poi acquistare Ethereum.

Per poter effettuare questa semplice e vantaggiosa operazione non ci sono commissioni esplicite di conversione. Tuttavia, gli exchange addebitano un margine di spread per le conversioni criptovalutarie (Coinbase, fino al 2%), giustificandole con le fluttuazioni di mercato nel prezzo delle criptovalute tra il momento in cui viene quotato il prezzo e il momento in cui l’ordine viene eseguito.

Ecco perché, una volta effettuata l’operazione di conversione della criptovaluta, il saldo in valuta fiat (euro) del tuo portafoglio potrebbe essere un po’ più basso.

È possibile scambiare Bitcoin con Ethereum attraverso un broker CFD?

A questo punto conclusivo del nostro approfondimento non possiamo che domandarci se sia possibile effettuare l’operazione di cui sopra anche con un broker CFD, oltre che con un exchange qualificato come Coinbase e Binance.

Per esempio, è possibile scambiare BTC con ETH utilizzando eToro?

In realtà, per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima domandarci di quali prodotti stiamo parlando.

Investire in criptovalute con un CFD (contratto per differenza), ovvero con il prodotto principale dei broker online, NON ti permetterà di entrare in diretto possesso di una criptovaluta, ma solamente aprire una posizione di uno strumento finanziario derivato il cui valore sarà legato a quello della valuta digitale. Per approfondire, ti consigliamo di leggere il nostro articolo in cui ti spieghiamo perché non esistono azioni Ethereum.

Da ciò ne deriva che facendo trading in CFD con i broker non sarai mai in possesso della criptovaluta sottostante e, dunque, non potrai nemmeno effettuare delle operazioni di conversione di Bitcoin in Ethereum.

Se dunque sei titolare di una posizione CFD Bitcoin e, per i motivi sopra esposti, desideri passare a una posizione in Ethereum, dovrai chiudere quella in BTC e aprirne un’altra in ETH.

Ricordiamo che non ci sono costi di apertura e chiusura delle posizioni in CFD con i broker, ma gli operatori applicano comunque degli spread. Proprio per questo motivo, esattamente come avviene con le operazioni di conversione, il controvalore alla fine di questa doppia transazione sarà probabilmente inferiore a quello originario.

Il mondo delle Criptovalute è molto complesso, qui su Ethereum-news.it ci impegnamo per offrirti contenuti comprensibili e aggiornati così da aiutarti a capire ciò che accade nell'ecosistema ETH in maniera semplice ed efficace.

DELLA STESSA GATEGORIA

© 2021 Progetto Castero | Tutti i diritti riservati

Il 67% degli investitori perde i propri soldi, considera se puoi permetterti questo rischio