Sin dalla sua creazione da parte del giovanissimo Vitalik Buterin, Ethereum, la nota piattaforma basata sulla tecnologia blockchain, ha destato da subito l’interesse sia degli analisti che degli utenti per la sua funzionalità smart contract.

Gli smart contract, o contratti intelligenti, sono dei contratti automatizzati in cui l’attuazione delle clausole operano automaticamente al verificarsi di certe condizioni.

Gli smart contract, o contratti intelligenti, sono dei contratti automatizzati.

In altre parole, si tratta di una serie d’istruzioni redatte in un codice informatico basato sul principio “If This, Then That” (IFTTT). A rendere interessanti questo tipo di contratti è proprio l’automaticità, che elimina virtualmente il rischio che una delle parti coinvolte decida arbitrariamente di non rispettare i termini pattuiti.

Inoltre, gli smart contract garantiscono la massima trasparenza, dal momento che i termini e le obbligazioni del contratto sono preimpostate e note alle parti, che ne accettano gli effetti predefiniti.

Per partecipare al contratto, infatti, gli utenti devono firmare l’accordo utilizzando le proprie chiavi private ed accettare tutti i termini e le clausole. In seguito, per passare alla fase esecutiva, il contratto viene caricato su una piattaforma decentralizzata e distribuita, come per l’appunto la blockchain di Ethereum.

La Ricezione degli Smart Contract nella Normativa Europea e Italiana

Naturalmente, i contratti intelligenti differiscono dai contratti tradizionali nella misura in cui sono scritti in linguaggio di programmazione e le clausole si attivano automaticamente. Per questo, si è resa necessaria una regolamentazione ad hoc. Alcuni Stati americani, come il Nevada e l’Arizona, sono stati pionieri in questo campo.

Il Regolamento che ha reso questo tipo di contratti legali nel territorio UE.

Per quanto riguarda l’Unione Europea, il Regolamento (UE) n. 910/2014 del Parlamento e del Consiglio d’Europa del 23 luglio 2014 ha reso questo tipo di contratti legali nel territorio UE, rafforzando peraltro la fiducia in questa tipologia di contratto.

In Italia, la Legge di conversione del decreto-legge di semplificazione (D.l. n.135/2018) ha dato una definizione di smart contract come “un programma per elaboratore che opera su tecnologie basate su registri distribuiti e la cui esecuzione vincola automaticamente due o più parti sulla base di effetti predefiniti dalle stesse”.

La stessa legge chiarisce che i contratti intelligenti soddisfano il requisito della forma scritta, assimilandosi in questo senso ai contratti tradizionali.

Per Cosa si Possono Utilizzare gli Smart Contract?

I contratti Ethereum hanno un gran numero di possibili applicazioni, specialmente per quei contratti il cui perfezionamento è possibile sulla base di un insieme di dati raccolti autonomamente dal software e che stabiliscono se esistono le condizioni per l’attuazione delle clausole.

Questi includono, per citare alcuni esempi:

  • Polizze assicurative. Al riguardo, un esempio è la polizza assicurativa di tipo parametrico fornita da Etherisc, che fornisce un’assicurazione decentralizzata sui viaggi aerei la quale attiva istantaneamente il rimborso se gli orari di partenza non sono rispettati, ed è operata proprio da Ethereum.
  • Cambio Valute. Il processo è molto semplice: al ricevimento di una data somma, il contratto intelligente può immediatamente convertirla in un’altra valuta, o scambiarla con altra valuta presente in un altro portafoglio a cui ha accesso. Così facendo, vengono eliminate le commissioni solitamente pagate agli agenti di cambio.
  • Spedizione in Contrassegno. I contratti intelligenti possono incamerare il prezzo del bene venduto sul conto dell’acquirente, e monitorare costantemente lo stato della spedizione. Quando il pacco viene consegnato, la somma viene versata automaticamente al venditore, senza bisogno di affidarsi a terze parti quali ad esempio il vettore di trasporti.
  • Cambiali e Assegni Circolari. In questo caso, lo smart contract “blocca” l’importo dell’assegno o cambiale e lo trasferisce alla data predeterminata nel codice, eliminando così il rischio di scoperto per il creditore.
  • Acquisto di titoli in borsa. In questo frangente, sarà sufficiente un contratto che analizzi l’andamento del titolo. Al raggiungimento di un determinato valore, lo smart contract potrà poi vendere o acquistare il titolo in maniera autonoma, trasferendolo al portafoglio dell’utente.

Questa varietà di utilizzi lascia pensare che, in futuro, gli smart contract Ethereum saranno sempre più utilizzati, sia per semplificare il commercio elettronico e la stipula di assicurazioni, sia per le transazioni finanziarie, soprattutto nel settore dei derivati, caratterizzati da alta standardizzazione documentale e dalla trasponibilità in linguaggio informatico.

Perché Investire Proprio in Ethereum?

Ecco perché investire proprio in Ethereum

Mentre in generale la tecnologia blockchain acquista una popolarità crescente e viene utilizzata in modi sempre nuovi, Ethereum in particolare si sta costruendo una reputazione di tutto rispetto. Un recente report di Goldman Sachs sul futuro delle criptovalute, infatti, descrive la piattaforma come una potenziale “Amazon delle informazioni”.

Ethereum, infatti, promette di creare un sistema di scambi interamente nuovo, basato sul concetto di “finanza decentralizzata”. Tanto che si pensa che, in futuro, il sistema dei contratti intelligenti possa essere adottato anche dalle pubbliche amministrazioni, con grandi risparmi in termini di burocrazia e personale, e con un enorme potenziale di crescita per gli investitori.

Anche il valore della criptomoneta collegata alla piattaforma Ethereum, Ether, ha visto il suo valore crescere esponenzialmente nel corso dell’ultimo anno, aumentando il proprio valore di 8 volte rispetto all’Agosto dello scorso anno.

Ethereum o Bitcoin?

Quando si tratta di investire in criptovalute, una domanda frequente è: meglio Ethereum o Bitcoin? Da anni ormai, il Bitcoin è considerato la valuta principe quando si tratta d’investire o fare trading online. Anche la rapida crescita di valore che ha visto nell’ultimo anno lo rende particolarmente appetibile.

È meglio Ethereum o Bitcoin?

Del resto, questa criptovaluta presenta anche degli svantaggi. In primo luogo, essa è nota per essere affetta da costanti cicli di “boom and bust”, in cui il prezzo cresce vertiginosamente e poi crolla all’improvviso (e inaspettatamente per i più). Inoltre, la popolarità del Bitcoin rende questa criptomoneta vulnerabile al cosiddetto influencer trading.

Un esempio di questo fenomeno—che vede un ciclo di enorme crescita trainato da un hype creato online, ma destinato a finire presto con una contrazione del prezzo—è il market crash del maggio 2021, che ha visto come protagonista nientemeno che Elon Musk e ha spazzato via gran parte della crescita del Bitcoin nel 2021. Ciò, ovviamente, ha creato dei danni alla credibilità del Bitcoin.

Una seconda questione da considerare è il fatto che esiste un limite alla quantità di Bitcoin che si possono minare. Questa scarsità artificiale può avere ulteriori effetti distorsivi sul prezzo di questa criptovaluta. Quando si tratta di minare Ethereum, invece, non esiste un limite preciso. Dunque, il prezzo non sarà inflazionato dalla sua scarsità, ma si baserà semplicemente sulla fiducia dei mercati nei suoi confronti.

Una fiducia che al momento è sempre crescente, e che è basata sulle potenzialità di Ethereum non solo come riserva di valore, ma anche come strumento capace di rivoluzionare l’esecuzione di contratti e investimenti online. Insomma, scorrendo le Ethereum news è evidente che questa criptomoneta si delinea sempre più come una solida scelta per gli investitori.

Come Faccio a Investire in Ethereum?

Se ti stai affacciando al mondo delle criptovalute per la prima volta, ti stai forse domandando se servano abilità o programmi particolari. La realtà è ben più semplice. L’acquisto di criptomonete, infatti, è possibile tramite piattaforme di trading online. Basta semplicemente iscriversi e seguire le istruzioni per acquistare la quantità di criptovaluta che desideri.

Si può investire su Ethereum con OBRInvest

Alcune piattaforme mettono a disposizione anche una modalità demo, in cui puoi provare a comprare e vendere criptomonete senza rischiare del denaro reale, ma solo simulando le transazioni. Questa modalità è particolarmente indicata per i principianti o per quanti sono curiosi rispetto al mondo cripto, ma non sanno ancora se “tuffarsi” nel mondo del trading online di monete digitali.

Fra queste, una delle migliori piattaforme a disposizione è sicuramente OBRInvest. Oltre a permettere di fare pratica in modalità demo, mette a disposizione una serie di risorse per la formazione, gratuite e senza costi aggiuntivi: e-book, guide, definizioni e tutto ciò che ti serve per cominciare a prendere confidenza con gli investimenti in criptovalute.

Investire in Ethereum con i CFD

Ma OBRInvest non è friendly soltanto per i neofiti delle criptovalute. Questa piattaforma, infatti, permette anche d’investire su Ethereum utilizzando i cosiddetti CFD.

I CFD, o contratti per differenza, sono contratti fra un acquirente e un venditore in cui il primo si impegna a pagare al secondo la differenza tra il valore corrente di un bene e il suo valore a un certo momento, stabilito dal contratto stesso.

Investire in Ethereum con i CFD

Si tratta di un particolare tipo di contratto derivato, molto utilizzato per fare trading in maniera semplice e con capitali anche molto bassi. Infatti, investendo tramite CFD non è necessario possedere l’asset sottostante. Inoltre, è possibile utilizzare la leva finanziaria, riducendo ulteriormente le barriere all’ingresso.

L’acquirente ottiene un guadagno quando il prezzo dell’asset aumenta durante il periodo in cui il contratto è attivo, perché a quel punto il venditore dovrà corrispondergli la differenza di prezzo realizzatasi.

Guadagnare con i CFD di Ethereum

Guadagnare con i CFD di Ethereum

Facendo trading con CFD su Ethereum, potrai decidere i andare short—cioè vendere—se vi saranno dei segnali che in futuro il prezzo possa scendere, oppure andare long—e quindi acquistare—se i prezzi sembrano andare nella direzione di un rialzo. Il vantaggio d’investire con i CFD, quindi, sta nel fatto che potrai guadagnare sia quando il prezzo di Ethereum sale, sia quando questo dovesse scendere.

Per aiutare gli investitori, OBRInvest ti aggiorna con dei segnali (o notifiche di trading) elaborati col supporto del centro studi Trading Central. Secondo le recensioni dei clienti, questa è la funzionalità in assoluto più utile, perché permette di adattare la propria strategia d’investimento in tempo reale.

Infine, In Italia sui CFD non esiste alcuna imposta di bollo, rendendoli una modalità d’investimento fiscalmente efficiente. Inoltre, utilizzando piattaforme autorizzate e regolamentate come OBRInvest, si può investire in modo sicuro, senza commissioni aggiuntive, e imparando ogni giorno a muoversi meglio nel mondo entusiasmante del trading online.

Il mondo delle Criptovalute è molto complesso, qui su Ethereum-news.it ci impegnamo per offrirti contenuti comprensibili e aggiornati così da aiutarti a capire ciò che accade nell'ecosistema ETH in maniera semplice ed efficace.

DELLA STESSA GATEGORIA

© 2021 Progetto Castero | Tutti i diritti riservati

Il 67% degli investitori perde i propri soldi, considera se puoi permetterti questo rischio