In questo articolo ti parliamo di Ethereum gold, analizzandone i dati e le prospettive di investimento.

Ethereum Gold è un progetto che si basa pressoché interamente sullo staking. Sebbene vi siano notizie online che facciano comprendere che l’obiettivo del progetto sia quello di evitare ritardi o disguidi nelle transazioni con criptovalute, in realtà Ethereum Gold non ha un whitepaper a cui far riferimento per comprendere effettivamente lo scopo di questa criptovaluta.

Il sito ufficiale, che tra l’altro si limita ad indicare solo un membro del progetto, è troppo poco chiaro per poter essere ritenuto sufficientemente affidabile.

La proposta Ethereum Gold

Il membro di ETG.Finance in questione è connesso ad un portafoglio di entità ridotta, insufficiente a sostenere i volumi di trading necessari a mantenere in piedi un ecosistema criptovalute. Per questo motivo, prima di valutare o meno un potenziale investimento su Ethereum Gold è consigliabile leggere attentamente questo approfondimento.

La duplice domanda a cui si vuole rispondere è: Ethereum Gold è un progetto autentico o una potenziale frode? E, qualora si trattasse di una criptovaluta autentica, avremo a che fare con l’ennesima shitcoin o è un progetto capace di fornire un qualche valore? Scoprilo in questa nuova guida offerta dagli esperti di Ethereum News.

Ethereum Gold: la proposta agli investitori

La proposta messa in campo da Ethereum Gold appare, nella sua teoria, piuttosto semplice: si tratta di un progetto di staking. Gli investitori acquistano tokens, li congelano con il servizio di staking offerto dal progetto e ricevono ritorni periodici sulle operazioni di convalida dei nuovi blocchi.

Il sito ufficiale, ETGProject.org, afferma che la percentuale di ricompensa ammonta al 30%.

È chiaro che un progetto del genere porti con sé una serie di dubbi, continua a leggere per saperne di più.

Le perplessità su Ethereum Gold

Innanzitutto, bisogna considerare che Ethereum non è la sola criptovaluta che si avvale del PoS (Proof of Stake) e che, di conseguenza, permetta di ricavare profitti con lo staking. Anzi, tra le tante criptovalute, Ethereum è forse quella più stabile (e quindi meno conveniente da questo punto di vista).

L’APY (Annual Percentage Yield, ovvero il rendimento annuale percentuale) dello staking con Ethereum è discretamente vario. Partecipandovi direttamente dalla piattaforma Ethereum (e congelando almeno 32 ETH), l’APY è del 7% e decresce all’aumentare delle quote in staking.

Se non si dispone di 32 ETH per partecipare in maniera diretta allo staking, si può prendere parte ad una staking pool, in tal caso, l’APY può variare in base agli accordi della piattaforma con Ethereum.

Ad esempio, Binance permette di partecipare alla sua staking pool e ricompensa gli utenti con BETH, da riscattare in ETH una volta completata la prima fase (si stima che occorrano almeno 2 anni).

A fronte di ciò, è chiaro che non appare possibile ottenere un APY del 30% sulla rete ETH. Sorge, dunque, il sospetto che Ethereum Gold si appoggi ad un’altra blockchain, caratterizzata da costi più contenuti.

Ma, ribadiamo, Ethereum Gold lascia non poche perplessità anche in virtù della poca chiarezza del sito. Pagine essenziali di un progetto blockchain, come la roadmap, o il whitepaper sono completamente assenti.

Leggi anche la guida Wallet Ethereum, se intendi acquistare una delle migliori criptovalute del futuro.

I dati su Ethereum Gold: il progetto ha un futuro?

Stando ai dati di mercato di Ethereum Gold, il progetto sarebbe praticamente già declinato:

  • La capitalizzazione di mercato è di circa 80mila $;
  • I volumi giornalieri si attestano su una media inferiore ai 500$;
  • In circolazione vi sono oltre 5.93 miliardi di ETG;

Ad avvalorare la tesi che ETG in realtà si appoggi ad una blockchain diversa da quella di Ethereum è la data di inizio di scambio sul mercato dei token ETG: il 22 Aprile 2019. Da allora il progetto ha visto un boom di interesse tra l’Autunno 2019 e l’Autunno 2020, con il massimo storico di volumi di scambio giornalieri nel 11 Luglio 2019 (398.692$).

Il 9 Febbraio 2020 ETG ha toccato per l’ultima volta volumi di scambio a 5 cifre (21.522$), con un’unica eccezione il 9 Maggio 2021 (12.022$).

Complessivamente Ethereum Gold è stata classificata come la 2170° criptovaluta al mondo, rendendo la sua posizione futura incredibilmente incerta.

Il crollo subito dal settore delle criptovalute a Maggio 2021 potrebbe aver segnato definitivamente il futuro dell’Ethereum Gold Project, provocando un crollo di capitalizzazione enorme: da 2.8 milioni di dollari del 30 Aprile 2021, si è passati agli 80mila di fine Giugno 2021, con picchi al ribasso fino a 70mila dollari.

Di fatto, l’entità media di un portafogli di criptovalute, superava di gran lunga la capitalizzazione di mercato del progetto.

Leggi anche: Ethereum classic: opinioni e differenze tra ETC ed ETH

Investire su Ethereum Gold: le prospettive

Alla luce delle analisi di cui abbiamo discusso, risulta palese che gli investimenti in Ethereum Gold si possano classificare come operazioni estremamente rischiose.

ETG viaggia su una quotazione media di 0.00001$, classificandosi a pieno titolo come una shitcoin interessante esclusivamente a fini speculativi.

Il problema che un investitore interessato a Ethereum Gold dovrebbe considerare tuttavia non è tanto connesso alle quote di ingresso minime al mercato (con 100$ si possono acquistare oltre 10 milioni di ETG), quanto piuttosto a:

  • Capacità del progetto di mantenere le proprie premesse. Con una capitalizzazione di appena 80mila dollari, come farà ETG a mantenere un ritorno del 30% sullo staking?
  • Capacità di ETG di sopravvivere alla fase bear del mercato. Stando agli analisti questa si prolungherà almeno per le prime settimane estive. ETG riuscirà a sopravvivere? Se la capitalizzazione dovesse crollare ulteriormente il progetto crollerà su se stesso.

Complessivamente, dunque, gli investimenti in Ethereum Gold al momento mancano della sicurezza necessaria ad essere considerati più di una scommessa. La poca chiarezza del sito e l’assenza di informazioni essenziali ad una valutazione più lucida non fanno ben sperare e giustificano il rating di 2.4/10 che molti investitori le hanno assegnato.

Per chi intendesse investire in criptovalute, dunque, la soluzione migliore è di certo comprare Ethereum anziché suoi surrogati di dubbia utilità.

Il mondo delle Criptovalute è molto complesso, qui su Ethereum-news.it ci impegnamo per offrirti contenuti comprensibili e aggiornati così da aiutarti a capire ciò che accade nell'ecosistema ETH in maniera semplice ed efficace.

DELLA STESSA GATEGORIA

© 2021 Progetto Castero | Tutti i diritti riservati

Il 67% degli investitori perde i propri soldi, considera se puoi permetterti questo rischio